Lo psichismo come funzione della vita

Interscambio sui partecipanti. Sintesi tematiche 1 e 2 lezione


  1. Nell’organismo, affinché questo possa sopravvivere, l’adattamento al cambiamento esterno implica anche un cambiamento interno. L’ adattamento crescente è l’unica maniera per assicurare la permanenza all’interno della dinamica dell’instabilità in movimento.
  2. La vita animale si sviluppa secondo funzioni di nutrimento, riproduzione e locomozione.
  3. L’organismo in relazione con l’ambiente tende a mantenere la stabilità interna assicurata dalla tendenza vegetativa, come “istinto” di conservazione e riproduzione. Il primo mantiene la struttura individuale, il secondo quella della specie.
  4. Tendenza di trovare fonti di rifornimento e a fuggire dai pericoli da agli esseri viventi direzione e mobilità.
  5. Tutte le operazioni lasciano “impronte” che, in caso di nuove risposte, serviranno come indicazioni preferenziali. Questa possibilità di registrazione è di fondamentale importanza per la permanenza della struttura, dati un ambiente esterno mutevole e uno interno variabile. Inoltre le “impronte” (memoria) permetteranno di rispondere in base a esperienze precedenti, il che libererà energia, rendendola disponibile per nuovi passi evolutivi.
  6. Per conservare la propria unità, paradossalmente, la struttura dovrà trasformare l’ambiente e nello stesso tempo trasformare se stessa.
  7. Quando la vita mostra di organizzarsi con funzioni, tropismi e memoria per compensare un ambiente variabile e nasce una minima coordinazione sorge lo  psichismo, come funzione della vita in adattamento crescente, vale a dire in evoluzione
Torna sù

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione in internet. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la informativa estesa.