DOLORE, tempo del.

Il tempo del dolore è “l’istante”, perché lo stimolo doloroso fa reagire la struttura psicofisica, che lo percepisce in modo tale che essa invia una risposta tendente a modificare, il più presto possibile, lo stimolo stesso e a prevenire, così, l’aumento di tensione. Al contrario, quando lo stimolo è piacevole, la risposta della struttura tende a farlo permanere. In quanto alla misura temporale esterna dello stimolo doloroso, la psicologia sperimentale ha dato notevoli apporti. Questa messa a fuoco esula senza dubbio dal nostro campo di studio.

Torna sù

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione in internet. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la informativa estesa.