Funzioni e tipi di allegorie

Una delle funzioni è quella di compensare, attraverso il racconto, la difficoltà di comprendere globalmente una situazione, agendo con la stessa meccanica degli insogni e del nucleo di insogno. Anch’essi, di fatto, si occupano di compensare difficoltà di situazioni.

Quando non è compreso in modo adeguato un fenomeno le allegorie operano con grande facilità, in quanto mancano spiegazioni razionali. Il fenomeno è trasformato in un racconto giacché non è possibile farne una descrizione precisa.

figura 133 – Mostro del Parco Orsini. Bomarzo (Italia)
figura 132 – Saturno divorando i suoi figli. Goya. Museo del Prado Madrid. (Spagna)

Se non si intende bene il fenomeno del tuono, è assai probabile che si cominci a raccontare la storia di qualcuno che corre con un carro per il “selciato dei cieli” producendo quel frastuono.

Lo stesso vale per i fenomeni psichici: quando non si capisce ciò che succede nel mondo interno, sorgono i racconti per spiegarlo.

Si allegorizza una situazione reale perché si crede e si agisce su di essa in modo indiretto.

Le allegorie non si riferiscono solamente a immagini visive, ma a nomi, parole e frasi. I colori, dal nero assorbente al bianco luminoso, ponderano e modificano la situazione e pertanto l’allegoria (figure 132 e 133)

Torna sù

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione in internet. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la informativa estesa.